Beni Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico per il Polo Museale della città di Roma

Eneide: Enea riceve le armi da Venere

Storie dell'Eneide, Enea riceve le armi da Venere - Stories from the Aeneid, Venus giving arms to Aeneas
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Scultura in legno
Città
Roma
Luogo di conservazione
Museo Nazionale del Palazzo di Venezia
Luogo di collocazione
Sale studio, stanzino, scaffale 1, ripiano B
Inventario
PV 07574
Materia e tecnica
Legno di tiglio/ scultura/ intaglio/ doratura/ pittura
Autore
Ambito lombardo
Datazione
Primo quarto del XVI secolo
Dimensioni
cm 28,6 x 32,7 x 3
Provenienza
Collezione Tower-Wurts (1933)
Copyright immagine
SSPSAE e per il Polo Museale della città di Roma

Descrizione breve

Proveniente dalla collezione Wurts (inv. W 388), l'opera è scolpita a bassorilievo con scene relative alla ‘Storia di Troia', come avvisa una scritta in corsivo a matita sul retro. Più propriamente vengono illustrati alcuni episodi dell'Eneide. In questo rilievo, definito nella scheda ministeriale ‘guerrieri e trofei', viene rappresentata una celebre scena del libro VIII dell'Eneide, quella in cui Enea riceve da Venere le armi forgiate per lui da Vulcano. Si tratta in particolare dei vv. 615-625: dixit, et amplexus nati Cytherea petiuit, / arma sub aduersa posuit radiantia quercu. / ille deae donis et tanto laetus honore / expleri nequit atque oculos per singula uoluit, / miraturque interque manus et bracchia uersat / terribilem cristis galeam flammasque uomentem, / fatiferumque ensem, loricam ex aere rigentem, / sanguineam, ingentem, qualis cum caerula nubes / solis inardescit radiis longeque refulget; / tum leuis ocreas electro auroque recocto, hastamque et clipei non enarrabile textum. Si vede infatti sulla sinistra una quercia su cui sono posate le armi divine, (l'elmo si confonde tra le fronde) che Enea, accompagnato da Acate ed altri compagni, rigira ammirato fra le mani, con particolare attenzione per lo scudo, su cui sono istoriate le scene della futura storia di Roma. La tavola scolpita fa parte di un gruppo di quattro rilievi che si presentano sotto forma di quadretti entro una cornice di legno modanato (qui cm 34,7x39): PV 7573, 7575, 7576. Difficile risalire all'originaria collocazione e dunque alla funzione di questi rilievi che per i caratteri stilistici sembrano riferibili al contesto lombardo del primo quarto del Cinquecento. Le indagini tecnico-scientifiche condotte nel 2009 dall'IVALSA-CNR di Firenze hanno permesso di identificare il legno utilizzato che risulta essere quello di tiglio (Tilia sp.).

 Grazia Maria Fachechi 

Bibliografia

Inedito

Vai alla ricerca
Mibac Minerva Europe Museo & Web

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali
Via del Collegio Romano, 27
00186 Roma, Italia
tel. 39 06 67231
www.beniculturali.it

© Tutti i diritti riservati

Polo Museale del Lazio
Piazza San Marco, 49
00186 Roma, Italia
Tel. 06 69994251  -  06 69994342
e-mail: pm-laz@beniculturali.it
PEC: mbac-pm-laz@mailcert.beniculturali.it

Museo Nazionale del Palazzo di Venezia
Piazza Venezia, 3
00186 Roma, Italia
tel. 39 0669994284
e-mail: pm-laz.museonazionalepalazzovenezia@beniculturali.it 
Ingresso per le persone con difficoltà motoria in via del Plebiscito, 118

 

 

  Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido!

Copyright 2005 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Disclaimer

pagina creata il 15/01/2009, ultima modifica 15/11/2010